About

Due storie parallele. Una assolata e una grigio-azzurra. Poche parole, oracolari, che arrivano da un osservatorio lontanissimo. Un muro al centro delle due storie, che non sanno di rincorrersi e si avvicinano sempre più, come due tangenti, nello spazio e nel tempo.

Al centro del dispositivo del film sembra di intravedere la relazione con chi osserva, sia esso fuori o dentro il racconto, in una sequenza di inesauribili reciprocità.

«Un corpo solido vive negli spazi come un corpo nell’acqua e manda le immagini».

In questa serata ci affacciamo sul dispositivo sensoriale di un film di Studio Azzurro, facendoci guidare dalle nostre percezioni, con «quattro simboli e nessuna indicazione del loro giusto rapporto».

Team artistico

ideazione e conduzione // Matteo Lanfranchi

 

Produzione

organizzazione // Isadora Bigazzi
produzione // Effetto Larsen