L’occhio non vede cose ma figure di cose che significano altre cose.
Ogni città riceve la sua forma dal deserto a cui si oppone.

Italo Calvino, Le città invisibili

About

Mnemosyne è un progetto site-sensitive sulle memorie emotive collegate ai luoghi, un format elastico e modulare. Partendo da workshop e interviste, mappiamo un’area in base al vissuto emotivo di chi la vive, identificando e collegando spazi attraverso le emozioni che hanno suscitato nelle persone. Il risultato finale sono delle installazioni che si configurano come un’interfaccia emotiva con lo spazio e come potenti strumenti di narrazione e condivisione. In diverse occasioni il progetto è stato utilizzato per indagare conflitti sociali e valorizzare il senso di appartenenza a una comunità o un territorio.

Team artistico

idea e direzione // Matteo Lanfranchi
assistenza // Beatrice Cevolani
visuals // Tepée Laura Triscritti, Barbara Bedrina

 

Produzione

produzione // Effetto Larsen
co-produzione // Pergine Spettacolo Aperto – Progetto OPEN // CREAZIONE CONTEMPORANEA
col sostegno di // In Situ: network europeo di creazioni artistiche in spazi pubblici, all’interno del progetto IN SITU Platform, finanziato col sostegno di Creative Europe (DGEAC – Creative Europe); La Reggia VenariaFondazione Via MaestraSura Medura International Artist Residency Centre (Sri Lanka); La Fabrique de Théâtre (Belgio)